Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

Chi è l'ultra fascista che combatte in Ucraina

Il capo della curva della Lucchese finisce nei guai con la giustizia, allora scappa a Donetsk e imbraccia il mitra. Spacciandosi per emissario di imprese italiane

Per il latitante Andrea Palmeri, 38 anni, di Lucca, orgogliosamente neofascista e notissimo capo ultrà della Lucchese, la strada da percorrere non è stata breve né semplice dalla curva dello stadio toscano a quello dello Shakhtar Donetsk. Ma a Palmeri è sembrata l’unica percorribile, per una ragione, a suo dire, dirimente: portare l’Italia fuori dall’Europa, dichiarandolo nelle interviste così come sul suo profilo aperto di Facebook. Dove si mostra a torso nudo tatuato con croci celtiche o mentre imbraccia un mitragliatore spiegando quanto sia necessario combattere non solo contro gli Stati Uniti, ma anche contro «la deriva dei costumi» (si è convertito al cristianesimo ortodosso russo) che ha reso possibile ad modello i matrimoni gay e il recupero in mare dei migranti.

L’unico leader politico italiano a cui riserva parole di encomio è Matteo Salvini. Ma a queste motivazioni andrebbe aggiunta un’altra che Palmeri raramente menziona dal suo arrivo nel 2014 a Luhansk, capitale dell’autoproclamata e omonima repubblica che, assieme a quella di Donetsk, costituirebbe la cosiddetta Novo Rossia, entrambe non riconosciute dalla comunità internazionale, ma sostenute militarmente dal Cremlino.