Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

Bitcoin 2018: 50 mila dollari è il minimo?

Il corso più popolare della moneta bitcoin nel 2017 ha più volte aggiornato i suoi massimi storici, fino a 20 mila dollari.

Tuttavia, gli esperti intervistati ritengono che questo indicatore non è il limite, e nel 2018 il prezzo del bitcoin arriverà a 50 mila dollari. Il corso del bitcoin nel 2017 è iniziato con 926,3 dollari, nell'anno è aumentato di quasi 47 volte. Questo forte aumento dei prezzi è stato accompagnato da periodiche correzioni, fino a ridursi a 5 mila dollari al giorno. Il minimo nel 2017 per bitcoin è diventato l'indicatore di 738,7 dollari, il massimo 20 mila dollari.

Gli operatori di mercato spiegano le loro previsioni, nel 2018 le criptovalute saranno estese, un certo numero di paesi del mondo possono approvare il loro uso, sul bitcoin saranno introdotte nuove futures, opzioni o altri strumenti finanziari derivati.

"Io sono del parere che l'anno 2018 sarà la svolta per tutte le cripto-valute, l'anno 2017 è diventato per i bitcoin l' "anno record". Con 900 dollari nel mese di gennaio, la criptovaluta è cresciuta di oltre il 1000% alla fine dell'anno, a seguito di una serie frenetica di cadute. Penso che il prezzo del bitcoin continuerà a crescere e raggiungerà un valore di 50 mila dollari nel corso del prossimo anno" ha detto la vice-presidente di Prime Capital, Svetlana Ivanov.

Una simile valutazione di 50 mila dollari è fatta dall'analista della Brave New Coin, Josh Olszewicz, ma anche dal capo del servizio stampa della Waves Platform in Russia Gleb Kostarev. Quest'ultimo ha spiegato la previsione, nel 2017 la criptovaluta è aumentata di prezzo di 20 volte, la ripetizione di tali dinamiche degli scambi nel prossimo anno è improbabile.

Più positiva è la previsione del presidente dell'associazione della moneta e della blockchain, Yuri Pripachkin. "Il prossimo anno, credo che il bitcoin crescerà da 3 a 5 volte, il corso arriverà a 100 mila dollari" ha detto.

Il vice direttore del dipartimento di analisi della società "Alpari" Natalia Milchakova ha un atteggiamento più cauto.

"Per quanto riguarda i bitcoin ci sono opinioni diverse: alcuni sono a sufficienza competenti, gli economisti dicono che nel 2018 salirà a 60 mila dollari, altri che, al contrario, l'anno prossimo sarà l'anno del crollo del bitcoin, e all'inizio del 2019 il suo valore scenderà a mille dollari, condividiamo il punto di vista degli ottimisti: il bitcoin rimarrà nel 2018, ma il suo tasso di crescita rallenterà, e periodi di correzioni verso il basso aumenteranno" ha detto.

La stessa prudente previsione l'ha data il direttore per gli investimenti di CryptoLife Mansour Huseynov. "Il potenziale di crescita è di 35-50 mila dollari. Il potenziale di caduta 10 mila, ma non inferiore al 4,5 per mille", ha detto.

Secondo lui, il valore della moneta crescerà in un contesto di integrazione della tecnologia, come il Lightning Network, per il consolidamento dello status di "oro digitale", per gli investitori istituzionali, sul riconoscimento della criptovaluta in tutto il mondo, e anche per una serie di iniziative per lo sviluppo della blockchain del bitcoin.

Allo stesso tempo la criptovaluta può essere più conveniente a causa della caduta di grandi scambi, attacchi di hacker in borsa, la pressione da parte di Bitcoin Cash. Negativamente sul prezzo del bitcoin agiscono oggettivi vincoli di rete: la bassa velocità delle transazioni, la mancanza di consenso per le iniziative di sviluppo.

Ivanov ritiene che la moneta nel 2018 sarà utilizzata per tutto, in particolare dopo il suo riconoscimento nelle grandi catene di vendita al dettaglio.

"Se i giganti commerciali accetteranno la moneta, la sua crescita non può essere fermata. Grazie a questo, a mio parere, l'anno 2018 potrebbe essere una svolta per il bitcoin, e gli investitori, con un alto grado di resistenza al azzardo e volatilità, possono ottenere profitti da record" ha aggiunto. Il fondatore del gruppo Blockchain.ru Dmitry Mazurk a sua volta, è in attesa nel 2018 di modifiche nella regolamentazione della criptovaluta. "In Russia e nel mondo", ha sottolineato.