Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

MEDIASET * CANALE 5: IL GRANDE RITORNO IN TV DI CHECCO ZALONE A “MUSIC”, MERCOLEDÌ 13 DICEMBRE

(Ufficio stampa Eventi Rome) – Presso la sede della Protomoteca del Campidoglio, da sempre culla della municipalità romana, avrà luogo la seconda edizione del “Premio internazionale Pushkin” intitolato alla figura del grande poeta considerato il capostipite della letteratura russa moderna.

Nonostante la sua breve vita, Pushkin ha lasciato un’eredità inestimabile ai posteri testimoniata dal titolo comunemente riconosciutogli di padre della lingua russa  e dalla riconoscenza di giganti del calibro di Dostoevskij che lo definì “inizio di tutti gli inizi”.

L’evento, arrivato alla sua seconda edizione, si propone di promuovere ulteriormente la valorizzazione della cultura russa nel Belpaese premiando gli artisti che hanno dimostrato di onorare lo speciale legame che unisce l’Italia alla Russia.

Nella prima edizione il premio era andato alla poetessa italiana Antonella Anedda, autrice distintasi sin dall’esordio (“Residenze invernali”,1992) come voce tra le più originali del panorama poetico nazionale, estimatrice di maestri della migliore tradizione letteraria russa come Mandel’štam, Cvetaeva, Cecov e Dostoevskij e curatrice nel 2004 del volume “La parola Russia” con la traduzione delle poesie di Philippe Jaccottet.

Quest’anno il premio internazionale Pushkin, che sarà consegnato nel corso della cerimonia in Campidoglio dal Direttore del Centro Russo di Scienza e Cultura, Dott. Oleg Ossipov, si articola in tre sezioni: Letteratura, Giovani e Ricerca Scientifica ed Arte.

Il vincente del premio nella sezione Letteratura è il dott. Alexej M. Bukalov, direttore dell’agenzia di stampa Itar-Tass, distintosi per la sua attività giornalistica e letteraria che ha contribuito a far conoscere la Russia in Italia e nel mondo.

Esperto di Pushkin ed autore di diversi libri di studi sul sommo poeta, il dott. Bukalov dal 2001 è stato testimone diretto di tre pontificati ed ha potuto raccontare da inviato speciale della stampa russa le varie tappe dell’intenso dialogo interreligioso tra il Patriarcato di Mosca e la Santa Sede culminato nell’convegno di Cuba del 2016 tra Papa Francesco ed il Patriarca Kirill.

Per la sezione Giovani e Ricerca Scientifica sarà premiata la slavista Alessandra Carbone della prestigiosa Università di Pisa. La prof.ssa Carbone si è contraddistinta per la sua importante attività scientifica, che si è nutrita dei valori della cultura russa.

A Natalia Tsarkova, pittrice di fama mondiale e prima donna a diventare ritrattista ufficiale dei Papi, andrà invece il premio Pushkin nella sezione Arte per aver dato lustro internazionale all’arte russa con la sua straordinaria opera pittorica.

Tra i numerosi successi di Natalia Tsarkova, l’artista può vantare l’onore di aver avuto un suo quadro (“L’Ultima cena”) esposto a lato al celeberrimo “Cenacolo” di Leonardo da Vinci nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano, edificio inserito nella “World Heritage List” dell’Unesco.

I vincitori potranno, inoltre, beneficiare di un soggiorno presso il Museo statale – riserva naturale Mikhailovskoee in quella che fu la tenuta familiare di Pushkin offerto dall’istituzione culturale stessa.

L’evento vedrà la partecipazione di illustri personalità come l’Ambasciatore russo presso la Santa Sede Alexander Avdeev che già da Ministro della Cultura della Federazione Russa fu un instancabile sostenitore della cooperazione culturale tra Russia e Italia nel solco di una florida tradizione secolare.

Tradizione, peraltro, perfettamente incarnata dal rapporto tra la memoria di Pushkin e Roma: infatti, pur non avendo mai visitato l’Italia, al poeta russo fu dedicata già nel 1837 una statua nella Città Eterna su iniziativa della principessa Zinaida Volkonskaja.

Il monumento di Pushkin evidente, invece, a Villa Borghese fu inaugurato dal Presidente Putin il 6 Giugno del 2000 ed è diventato negli anni un luogo di riferimento per l’attiva comunità russa presente a Roma.

Comunità russa che si ritroverà, dunque, il prossimo 20 Giugno 2017 alle ore 18 in Campidoglio per la cerimonia di premiazione a cui parteciperanno, oltre al presidente della Giuria, lo scrittore e critico letterario Arnaldo Colasanti, l’avvocato Leo Maria Galati che farà da moderatore, anche la poetessa Natalia Stepanova e la pronipote del sommo poeta, il soprano Natalia Pavlova che allieterà i presenti cantando brani lirici accompagnata dall’orchestra Ghironda e recitando con la collaborazione dell’attore Vincenzo Bocciarelli chi aprirà l’evento con la poesia di A. Pushkin dedicata all’Italia.

L’evento sarà arricchito dalla presenza del Presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito e del Presidente della Commissione Cultura del Campidoglio Carola Penna che faranno gli onori di casa.

Nel corso della serata l’eccellenza della gelateria italiana rappresentata dall’Ateneo del Gelato Italiano di Cristina Ciferri ed Andrea Fassi delizierà i palati degli ospiti mediante la degustazione di gelato artigianale ed offrendo, per l’occasione, un gusto speciale ispirato alla vatrushka, il dolce russo per antonomasia.

Un connubio, quello tra tradizione italiana e tradizione russa, che la bravura degli artigiani del gelato saprà rendere, dunque, ancora più dolce ai presenti. Seguirà vin d’honneur e degustazione di salumi e formaggi organizzati dagli sponsor dell’evento: il Consortium Save Italy, il Laboratorio Artigianale Gelatine di Vino, l’Azienda Agricola F.lli Stefanoni.

Museo Nazionale delle Paste Alimentari, Progetto World, Associazione di Volontariato Tulipano Rosso, Associazione Culturale Neuhaus Italia, N & Studio Comunicazione, Sova Communication sono gli altri partner che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento.

Il premio è organizzato dall’associazione culturale “Amici della Grande Russia” fondata ed animata dalla dott.ssa Yulia Bazarova, organizzatrice degli eventi e promotrice della cultura russa in Italia e dal cav. dott. Paolo Dragonetti de Torres Rutili e già protagonista di numerose iniziative di promozione del patrimonio letterario russo in Italia.

Il Premio Internazionale Pushkin è patrocinato dalla Presidenza dell’Assemblea Capitolina, dal Centro Russo di Scienza e Cultura, dall’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dalla Fondazione Roma Sapienza e dal Centro di Ricerca dell’Università di Pisa.

Un’occasione, dunque, per celebrare la feconda influenza reciproca tra due culture come quella italiana e quella russa che non hanno mai smesso di affascinare a livello mondiale e di affascinarsi a vicenda.