Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

Quanto sarà Mondiale la Dea? I 4 che si giocano la Russia

Quanto sarà Mondiale la Dea?
I 4 che si giocano la Russia

Pochi giorni e sapremo quanto sarà Mondiale l’Atalanta 2017/2018. Con il campionato di Serie A fermo, i riflettori sono tutti puntati sugli impegni con le Nazionali dei giocatori nerazzurri. Remo Freuler (Svizzera), Andreas Cornelius (Danimarca) e Leonardo Spinazzola (Italia) cercano il pass per andare a Russia 2018, mentre il Papu Gomez (Argentina) ha fatto di tutto per rispondere alla convocazione del ct Sampaoli nonostante la formazione sudamericana sia impegnata “soltanto” in gare amichevoli contro Russia e Nigeria.

Irlanda del Nord-Svizzera, Remo c’è. Dopo aver passato tutto il girone di qualificazione al primo posto, la Svizzera è caduta in casa del Portogallo di Cristiano Ronaldo all’ultima giornata e si trova ora costretta a una doppia sfida contro l’Irlanda del Nord per strappare il pass mondiale. Nella squadra elvetica gioca ormai in pianta stabile anche l’atalantino Remo Freuler: il classe 1992 di Hennenda, nell’ultimo anno ha prima ricevuto alcune convocazioni e poi conquistato sul campo una maglia da titolare. Tra i nerazzurri impegnati in Nazionale è l’unico che non preoccupa dal punto di vista del recupero fisico, visto che a Milano contro l’Inter non ci sarà per squalifica. Le due sfide contro l’Irlanda del Nord si giocheranno il 9 e il 12 novembre, la prima è in programma a Belfast con fischio d’inizio alle 20.45 mentre il ritorno si giocherà a Basilea a partire dalle 18. Salvo variazioni dell’ultima ora, il numero 11 atalantino sarà in campo nella formazione titolare.

Danimarca-Irlanda, Cornelius titolare. Altra Irlanda, altro atalantino in campo dal primo minuto per cercare una qualificazione a Russia 2018. La formazione danese ha dato del filo da torcere alla Polonia durante il girone e alla fine è arrivato un secondo posto garantito dalla vittoria esterna in Montenegro. Ora ci sono in programma gli ultimi 180′ minuti tra Copenaghen (gara di andata) e Dublino (gara di ritorno) per decidere chi tra scandinavi e irlandesi andrà in Russia. Il centravanti atalantino Cornelius, nonostante i recenti problemi alla schiena, dovrebbe scendere in campo dall’inizio e il fatto di giocare a casa sua la prima partita (lo stadio è lo stesso che lo ha visto crescere e lo ha coccolato prima dell’arrivo a Bergamo) può certamente aiutarlo a segnare un gol decisivo. Le sfide sono in calendario sabato 11 novembre (20.45) e martedì 14 novembre (20.45), sarebbe importante per Cornelius giocare molto visto che nelle ultime settimane ha visto il campo solo in tv.

Svezia-Italia, Spinazzola scalpita. La gara più sentita da tutto il pubblico calcistico italiano è sicuramente quella in programma tra Svezia e Italia. Tra i convocati di Ventura c’è anche Leonardo Spinazzola ma il suo impiego, almeno all’andata, non sembra nei piani del commissario tecnico anche per un problemino muscolare. Le due sfide saranno giocate venerdì 10 novembre a Solna (Svezia) con fischio d’inizio alle 20.45 e lunedì 13 novembre a Milano alla stessa ora. Per Spinazzola sarebbe molto importante trovare un po’ di spazio, Ventura lo convocò e lo schierò anche ad inizio settembre contro la Spagna nel periodo peggiore della sua esperienza orobica (convocazioni rifiutate e grande spinta per andare alla Juventus) ed è quindi probabile, vista anche la continuità che sta trovando in campionato, che ci sarà spazio almeno in una delle due partite: se l’Italia si qualifica, Spinazzola si giocherà poi un posto tra i convocati e quindi sarà ancora più importante fare bene con la Dea.

Gomez insieme a Dybala e Messi. Le ultime cartoline che arrivano dai ritiri delle varie nazionali ritraggono un Papu Gomez felice e spensierato insieme a Messi e Dybala nel ritiro dell’Argentina. Le due partite che giocheranno i sudamericani contro la Russia e la Nigeria sono semplici amichevoli, ma è chiaro che la grande concorrenza che può insidiare il capitano e leader atalantino lo spinge a non voler mai mancare in queste situazioni. Le possibilità del Papu di andare ai Mondiali passano tutte da un grande campionato con la Dea, allo stesso tempo gran parte delle fortune nerazzurre sono legate al rendimento del numero 10 ed è per questo che ogni chiamata del ct Sampaoli va presa con grande entusiasmo ai piedi di Città Alta. L’occasione, alla soglia dei trent’anni, è più unica che rara e il Papu Gomez non ha nessuna intenzione di farsela sfuggire.