Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

Nuovi brevetti e accessori: così è rinata Valleverde

L’obiettivo per il marchio Frankie Morello è ambizioso: giungere a 50 milioni di fatturato entro il 2020, cioè ad appena cinque anni dall’acquisizione ed essendo ripartiti praticamente da zero. «All’inizio forse sembrava un traguardo difficile da raggiungere, ma i risultati del 2016 e quelli previsti per il 2017 confermano che siamo realisti, non sognatori: il fatturato di quest’anno dovrebbe superare i 15 milioni, più che raddoppiato rispetto ai 7 milioni del 2016», spiega Angela Ammaturo, amministratore delegato di Fnm.

Fondata nel 2014, la società del gruppo Ludoil si propone di apprendere partecipazioni in brand italiani dal grande potenziale, per accelerarne lo sviluppo a livello nazionale e internazionale. Nel caso di Frankie Morello, marchio controllato al 100% dalla Fnm, tutto è partito da Milano. «Il primo passo è stato lo showroom, poi è arrivato il flagshipstore, oltre seicento metri su tre piani in piazza San Babila, inaugurato in febbraio, durante la settimana della moda donna – aggiunge Angela Ammaturo –. In questa fase è importante partecipare a entrambe le fashion week di Milano, le sfilate “co-ed” per ora le lasciamo a brand più grandi».

Pochi giorni fa Frankie Morello ha portato in passerella a Milano moda uomo la collezione per la primavera-estate 2018, sotto la direzione artistica di Nicholas Poggioli. «L’abbiamo chiamata #liquidspace, con l’hashtag. Il tema infatti collega quello della collezione per l’autunno-inverno 2017-18, che era l’universo spaziale, a un immaginario mondo sommerso – racconta l’imprenditrice napoletana –. L’hashtag serve a far capire l’importanza che diamo al digitale. Abbiamo creato una struttura interna per gestire la comunicazione via Instagram e Facebook e lavoriamo con influencer che ci sembrano in sintonia e credibili per il marchio».

Fnm produce e distribuisce le linee uomo, donna e bambino a marchio Frankie Morello e ha creato un altro marchio per bambino, Aygey, con un posizionamento prezzo più vicino al mass market. «Frankie Morello è percepito come fasto accessibile, in Italia e all’estero, ed è proprio il rapporto tra qualità del made in Italy e prezzo che ci ha permesso di crescere tanto in fretta. Insieme allo stile: forte, riconoscibile, contemporaneo».

All’inizio del mese è stato inaugurato un monomarca a Kiev, le prossime aperture saranno in Italia, Russia e Cina, grazie a una joint venture siglata da poco. «Le collezioni sono già molto ricche, tanto da giustificare flagshipstore anche di ampie metrature – conclude Angela Ammaturo –. Però c’è sempre spazio per nuovi prodotti, perché Frankie Morello vuole essere un marchio di total look. Da qui il lancio delle fragranze, cominciando dalla donna». L’e-commerce per ora è attivo solo per il mercato italiano, ma a breve verrà esteso ad altri Paesi. Anche perché l’ambizione è entrare nel mercato americano, dove è inevitabile investire nello shopping online.