Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

Italia travolta in Spagna. Al Bernabeu finisce 3 a 0

Serata amara per gli azzurri di Ventura schiacciati dagli iberici. Ora per giungere ai Mondiali in Russia necessario passare il play off

Serata davvero amara a Madrid per l’Italia superata con un netto 3-0 dalla Spagna che ‘ipoteca’ così il primo posto nel girone di qualificazione ai Mondiali in Russia del prossimo anno.  L’Italia tornerà in campo martedì a Reggio Emilia contro Israele per evitare cattive sorprese in chiave secondo posto, quello che vale il playoff di novembre per entrare nella rassegna iridata del prossimo giugno, anche se dalla porta di servizio.
 
Al Santiago Bernabeu è una vera e propria finale per la qualificazione diretta a Russia 2018. L’Italia di Ventura, dopo l'1-1 della partita di andata a Torino, è praticamente obbligata a vincere per conquistare il primato nel girone, ed evitare così gli insidiosi spareggi a cui sono costrette le 8 migliori seconde dei gironi europei. Ventura, senza Chiellini, sceglie un offensivo 4-2-4: in campo la coppia Immobile-Belotti, supportata sugli esterni da Candreva e Insigne. Nessuna punta centrale di ruolo invece per gli iberici di Lopetegui:  in panchina Morata. In campo Asensio.  Veemente l’avvio degli spagnoli con gli azzurri che faticano a contenere e sono costretti a ricorrere al fallo. Ammonito prima Verratti (4’), poi al 12’   Bonucci è costretto ad atterrare al limite dell’area un lanciatissimo Asensio. Una posizione perfetta per la punizione di Isco che infila il sette e supera Buffon: 1-0 (13’). C’è la reazione degli azzurri che però non va oltre una bella parata di De Gea su potente  colpo di testa di Belotti, un paio di palloni lunghi per Immobile e Belotti e un tiro di Insigne ‘murato’ dalla difesa spagnola.  Ma a fine primo tempo arriva il raddoppio delle ‘furie rosse’:  Iniesta per Isco che salta Verratti e di sinistro dal limite ‘fredda’ Buffon che si tuffa, ma non riesce ad giungere sul chirurgico diagonale del giocatore del Real Madrid che firma la doppietta.
 
Nella ripresa l’Italia prova a riaprire il match e al 48’ palla di Immobile per Insigne che calcia col destro di prima intenzione: De Gea respinge, palla a Candreva che fallisce il bersaglio. Al 53’, sugli sviluppi di un corner di Candreva, Belotti manda alto sulla traversa di testa. Scendono i ritmi della partita, così come l’intensità e le occasioni. Ventura al 70’ effettua un doppio cambio: dentro Bernardeschi ed Eder, fuori Candreva e Belotti. Nella Spagna al 72’, tra gli applausi del Bernabeu,  esce Iniesta per far posto a Morata. Ed è proprio l’ex attaccante della Juve a firmare il tris al termine di un semplice, ma veloce contropiede in tandem con Sergio Ramos (77’). Italia al tappeto e in chiara difficoltà. Altri cambi con Saul per Asensio (78’) e al 90’ David Villa per Isco (altra standing ovation),  per nelle file degli spagnoli e Gabbiadini  per Immobile tra gli italiani. Nel finale infortunio a Spinazzola che però visti i tre cambi effettuati, deve stringere i denti e restare in campo seppur zoppicante.  Ultima chance per Gabbiadini al 92’, ma anche stavolta De Gea dice di  no.  Festa iberica a Madrid con canti cori per tutti, soprattutto per un Isco a tratti davvero immarcabile per gli azzurri.