Forum Russia Italia Il più grane punto di riferimento nel web per tutto quanto concerne la Russia!Forum Russia Italia

Putin compie 65 anni. E Berlusconi vola in Russia per festeggiare

Dopo la festa in famiglia, Silvio Berlusconi si appresta a fare il bis insieme a Vladimir Putin. Il Cavaliere nelle prossime ore volerà in Russia per l’amico presidente, che domani compirà 65 anni. La visita sarà in forma strettamente privata e sarà l’occasione per festeggiare anche il compleanno dell’ex premier italiano, viste le date di nascita ravvicinate.

Gli azzurri: «Ma vuole mandare anche un messaggio»

Ancora non si sa se Berlusconi e il leader del Cremlino si vedranno a Mosca per poi proseguire a Sochi, la dacia presidenziale e da sempre buen retiro “dell’amico Vladimir”. Per gli ambienti azzurri, da cui è trapelata la notizia del viaggio, la trasferta russa di Berlusconi sarà anche l’occasione per lanciare un messaggio politico a Matteo Salvini, anche lui filo-putiniano, volto a rivendicare la leadership del centrodestra. Quello di questi giorni tra Berlusconi e Putin sarà l’ennesimo convegno di un rapporto di amicizia iniziato ai tempi del G8 di Genova, nel luglio del 2001, e consolidatosi l’anno successivo a Pratica di mare, in occasione della firma del trattato Nato-Russia a maggio.

La lunga amicizia tra Berlusconi e Putin

In quasi 16 anni i due leader si sono visti varie volte a Villa La Certosa in Sardegna e nella Dacia russa sulle rive del Mar Nero, a parlare di affari e politica. E non sono mai mancate telefonate, messaggi, regali, pubblici attestati di stima reciproca. Un feeling che ha coinvolto anche le famiglie: le figlie di Putin passarono alcuni giorni di vacanza in Costa Smeralda nell’estate 2002. E a ottobre dello stesso anno Berlusconi fece un blitz a Mosca per poi salutare a dicembre l’avvio di Blue Stream. Tante le fotografie che ritraggono Berlusconi e Putin insieme sorridenti. Forse la più famosa è quella con due enormi colbacchi di pelliccia a cena nella foresta di Zavidovo, fuori Mosca, 21° sotto zero, nel febbraio 2003. Allora il problema centrale era la crisi irachena, con la prospettiva di un conflitto imminente.